13 Agosto 2017: Enanitos Verdes

Il 13 Agosto 2017 concerto live della rock band argentina Enanitos Verdes, la band formata da Marciano Cantero, voce e basso, e Felipe Staiti alla chitarra al Milano Latin Festival.

BIO

LOS ENANITOS VERDES è la band formata da MARCIANO CANTERO, voce e basso, e FELIPE STAITI alla chitarra.
Questa band è nata nella città di Mendoza, in Argentina, nel mese di novembre 1979 con Marciano, Felipe e Daniel Piccolo alla batteria.
Hanno cominciato a suonare in vari pub, per poi passare a piccoli teatri non solo in provincia, ma anche nei luoghi vicini, diventando rapidamente la band più popolare e richiesta nell’area di Mendoza e Cuyo.
All’inizio del 1983 vanno a Buenos Aires per tentare la fortuna, suonando in pub e bar.

Nel 1984 il trio è stato invitato a partecipare al “Festival de La Falda“. LOS ENANITOS VERDES quell’anno è stato eletto “Grupo Revelación” del festival, acclamati dal pubblico e dalla stampa.
Dopo il festival, CANTERO, STAITI e PICCOLO vanno a Buenos Aires con Sergio Embrioni come musicisti ospiti e registrano per l’etichetta indipendente MORDISCO il loro primo LP, “Los Enanitos Verdes“. Questo primo album includeva il brano “Aún sigo cantando“, che ha spopolato nelle radio della capitale diventando rapidamente un “classico” del rock argentino.
Nel 1986 hanno pubblicato il loro secondo LP, “CONTRARRELOJ“. Con brani come Simulacro de tensión, Tus viejas cartas e LA MURALLA VERDE – il grande successo che li ha portati ad essere una delle band più popolari della musica rock che parla spagnolo – comincia a diffondere la sua popolarità in tutta l’Argentina e comincia a suonare nelle radio dei paesi limitrofi.

Nel 1987, OHANIAN PRODUCCIONES promuove lo sviluppo della band di fuori del paese. LOS ENANOS, registrano il loro terzo album, “HABITACIONES EXTRAÑAS” con brani come Por el resto de tus días, Te vi en un tren.
Nel 1988, il gruppo è invitato al “Festival Internacional de la Canción de Viña del Mar“, accreditandosi due “Antorchas de Plata
I loro album si ascoltano in tutta l’America Latina; dando vita così al loro primo tour latino americano lo stesso anno.
Nel 1988, LOS ENANOS hanno registrato il loro quarto LP, “CARROUSEL“.
Fino a Marzo 1989, portano il Carrousel Tour in tutta l’Argentina, il Messico, Honduras, Costa Rica e Guatemala.
Nel 1989 incidono “HABIA UNA VEZ“. Nel 1992 hanno registrato “IGUAL QUE AYER“. Con canzoni come “Igual que ayer y Amigos” raggiungono rapidamente il DISCO DE ORO. Con il “Jurasic Tour” attraversano tutta l’America Latina.

Il 1994 è l’anno del “Lamento boliviano” incluso nell’album “Big Bang“, che diventa DISCO DE PLATINO in Argentina. Durante il 1994 promuovono il “Big Bang Tour” viaggiando attraverso Argentina ed altri paesi dell’America Latina.
LOS ENANOS suonano a Buenos Aires di fronte a più di 40.000 persone. Nel mese di novembre si spostano a Caracas a “II Festival Iberoamericano de Rock“, poi Quito, Ecuador, e il 19 marzo, sulla spiaggia di El Silencio a Lima, Perù, assistono al loro concerto 60.000 persone.
Il “Gira BIG BANG” con un totale di 129 spettacoli in Argentina, America Latina e USA, diventa il più lungo tour di una rock band Argentina.
L’album, pubblicato in Spagna nel ’95, occupa i primi posti nelle principali classifiche della Spagna.

GUERRA GAUCHA” è il nome del nuovo album, registrato e mixato interamente a Los Angeles, con collaborazione e direzione artistica di Jeff Baxter (Doobie Brothers, Steely Dan). Registrato e mixato da Gustavo Borner, prodotto e diretto artisticamente da LOS ENANOS, conta ospiti di primo piano: il maestro Domingo Cura (grancassa e cajon), Daniel Binelli (bandoneon), Luis Conte (percussioni) e Cosme, di Café Tacuba, ed un duetto con Marciano nel brano ELLA. Su tutti, pezzi come “Dale Pascual“, cover dei primi anni ’80 come “¿No te sobra una moneda?” e ballate mozzafiato “El día es claro” e “Eterna soledad“.
LOS ENANITOS VERDES ha fatto quello che è stato il primo vero tour di un gruppo di rock argentino nel territorio degli Nord Americano. Suonarono in nove città dell’Unione Americana e durante questo periodo il tour è stato esteso a USA, Messico e America Centrale.

Tornati in Argentina hanno fatto una esibizione con il Governo della Città di Buenos Aires nella Piazza delle Nazioni, in cui è stato calcolata una affluenza di 50.000 persone. Nei mesi di giugno e luglio terminarono la registrazione negli Estudios El Pie, con l’ingegnere e produttore inglese Nigel Walker, PLANETARIO, del nono album della band. L’album, intitolato TTRACCIÓN ACÚSTICA, versione acustica dei brani che sono stati i più grandi successi del gruppo, sarà pubblicato nel 1998.

I brani che compongono TRACCIÓN ACÚSTICA sono: Por el resto, Te vi en un tren, Cada vez que digo adiós, Sólo dame otra oportunidad, Tus viejas cartas, Aún sigo cantando, Guitarras blancas, La muralla verde, El extraño del pelo largo, No me verás – brani impegnati con una versione eccellente di “Metro Balderas” di Rockdrigo, resa popolare in Messico dal leggendario Alex Lora EL TRI e due anteprime: El guerrero e Fiesta jurásica. Iniziano un nuovo tour in Messico, Argentina, Bolivia e Lima, Perù e Stati Uniti.

Nel 1999 hanno iniziato a preparare il loro undicesimo album NECTAR con Coti Sorokin, loro coproduttore di questo nuovo album. Esso contiene canzoni come “Cordillera”, “Luz de día”, “Rebeca”.
Nei mesi successivi, la band fece un tour degli USA, Messico e America Centrale facendo 27 spettacoli in Messico, Guadalajara, USA, con una stima di 80.000 spettatori.
Ebbero una nuova nomination per l’edizione XLII dei Grammy Awards, la seconda consecutiva, nella categoria “Best Latin Rock/Alternative Performance“.
In Watcha Tour nel 2000, fanno 17 spettacoli da protagonisti con Molotov, Aterciopelados, Café Tacuba, A.N.I.M.A.L. e altri.
Nel mese di febbraio hanno iniziato un piccolo tour negli USA, Messico e Porto Rico.
Eseguirono alcuni spettacoli in Argentina, con l’esibizione al Teatro Gran Rex a Mendoza, loro città natale.
Suonarono in tour con i Jaguares, e fecero altre esibizioni. 18 spettacoli in Messico. Nel corso del Watcha Tour del 2001, fecero un totale di 39 spettacoli in 58 giorni. Al termine, si concentrarono nella produzione del nuovo album, il dodicesimo, AMORES LEJANOS.
Tra i brani inclusi, vi sono: Francés limón, Amores lejanos, Abrazando ausencias, Olvidarte, e così via. Come sempre, tutte le canzoni sono composte da Marciano Cantero e Felipe Staiti, in collaborazione con altri musicisti argentini.
Con Amores Lejanos, ENANITOS hanno fatto tre presentazioni in Europa che comprendevano le città di Londra, Madrid e Barcellona.
Il 31 maggio si è tenuta la presentazione ufficiale di “Amores Lejanos” in Argentina suonando al Teatro Gran Rex a Mendoza, loro città natale.

Il nuovo album chiamato EN VIVO diventa rapidamente un successo assoluto, il primo singolo “Tu cárcel” sale ai primi posti nelle classifiche di USA, Messico e altri paesi dell’America Latina. EN VIVO raggiunge il Disco de Oro in Messico e si spera lo stesso negli Stati Uniti, dove ha già venduto circa 80000 copie. Nel frattempo inizia il tour in tutta l’America.
Nel 2006 Enanitos hanno iniziato con le prove finali per quello che sarebbe stato il loro album numero 14. L’album è stato registrato a Burbank, California nel Igloomusic Studio, diretto e coprodotto dall’ingegnere Gustavo Borner e vedrà la luce nei negozi in tutta l’America nel Giugno 2006.
Nel 2007 presentano PESADO ORIGINAL. Daniel Piccolo lascia la band.
Nel 2010 esce “Inéditos” e nel 2013TIC TAC“, registrato nel corso del 2012.
[Tratto dal Sito Ufficiale losenanitosverdes.net]